Il Museo della Memoria, Assisi 1943-1944” continua il suo viaggio negli Stati Uniti. Il Museo, ideato e curato dalla giornalista Marina Rosati e realizzato dall'Opera Casa Papa Giovanni, fondazione della Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, racconta la storia dei 300 ebrei salvati grazie allo spirito dell’accoglienza francescana di Assisi.

E' stato inaugurato al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno(TV) il secondo appuntamento espositivo del 2022 degli Anniversari Canoviani, iniziativa che celebra i 200 anni dalla morte del genio del Neoclassicismo.
In programma sino al 5 novembre, la mostra “Canova e il dolore. Le stele Mellerio. Il rinnovamento della rappresentazione sepolcrale”, ideata da Vittorio Sgarbi e curata da Francesco Leone e Stefano Grandesso, con la direzione artistica di Contemplazioni, trova il suo apice nella ricomposizione, per la prima volta dal loro smembramento, dei due monumenti Mellerio, voluti dal conte Giacomo Mellerio in memoria dello zio Giovanni Battista e della moglie Elisabetta Castelbarco, dopo aver visitato lo studio romano di Canova.

La Fondazione Ferrero di Alba presenta un nuovo progetto espositivo dedicato al pittore e incisore torinese Giacomo Soffiantino (1929-2013): è la mostra “Soffiantino tra oggetto e indefinito” che si è aperta  e proseguirà sino al 30 giugno, con la curatela di Luca Beatrice, Michele Bramante e Adriano Olivieri.

In concomitanza con la 59a Biennale di Venezia, intitolata “Il latte dei sogni” e curata da Cecilia Alemani, sino al 23 ottobre il Museo Archeologico Nazionale di Venezia ospita la mostra “HistoryNow” dell'artista inglese Marc Quinn. La personale, co-curata da Francesca Pini e Aindrea Emelife, dialoga conti tesori custoditi dal museo in Piazzetta San Marco, di fronte a Palazzo Ducale, con il suo magnifico cortile cinquecentesco opera di Vincenzo Scamozzi, le logge e la statua di Agrippa, uno dei più antichi musei pubblici d'Italia, fondato nel 1587, grazie alla lungimiranza di due patriarchi rinascimentali, il cardinale Domenico Grimani e suo nipote, il mecenate Giovanni Grimani.

Dal 20 maggio al 14 agosto 2022, la Kunsthaus Zürich presenta la più ampia panoramica di quaderni di schizzi dell'artista svizzero Rudolf Koller (1828–1905) fino ad oggi. Koller è noto per i suoi caratteristici ritratti di animali e per il "Gotthardpost", un dipinto iconico nella storia dell'arte svizzera, che si trova anche al Kunsthaus Zürich. La presentazione temporanea è stata preceduta dalla digitalizzazione e dal parziale restauro di circa 3.600 pagine di sketchbook.

La galleria A arte Invernizzi inaugura il prossimo 19 maggio alle ore 18 la mostra personale “Michel Verjux. Découper plier éclairer: des corps et du vide?” che rimarrà aperta al pubblico fino al 13 luglio.
Michel Verjux dal 1983 concepisce la sua opera come intervento luminoso; in questa mostra, però, cerca di indagare con nuovi termini l’idea di vuoto, luogo e spazio.

Mai come in alcune delle composizioni di  Philip Corner, che si collocano in quel territorio intermedio che sta tra la composizione musicale, l'arte visiva e l'evento performativo, l'introduzione dell'elemento aleatorio fu così poetico e al tempo stesso fermo, forte, perentorio nella sua volontà di misurarsi con l'imprevisto, così come di sottrarsi al conformismo della composizione classica di tradizione occidentale. Foto e testo Paola Zorzi 

Il Museo nazionale espone le migliori fotografie giornalistiche del mondo e della Svizzera, permettendoci così di guardare oltre i titoli delle prime pagine e riflettere.

I fotogiornalisti sono gli occhi dell’opinione pubblica mondiale. Alle due mostre «World Press Photo 2022» e «Swiss Press Photo 22», le migliori immagini giornalistiche, sia globali che nazionali, dell’ultimo anno ci permettono di considerare con calma gli eventi, che si susseguono rapidamente, da una nuova angolazione e di analizzarli con spirito critico.

11.658 connazionali iscritti all’Aire nel 2021 hanno visitato gratuitamente un museo o un parco archeologico pubblico in Italia. A confermare la cifra è il Ministro del turismo Massimo Garavaglia nella risposta alla interrogazione con cui Fucsia Nissoli (Fi) chiedeva aggiornamenti sull’applicazione della Legge di bilancio 2020 che istituì un fondo specifico con una dotazione di 1,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, per dare la possibilità agli italiani residenti all'estero di accedere gratuitamente alla rete dei musei, delle aree e dei parchi archeologici di pertinenza pubblica.








Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework