Il posto fisso per tutta la vita? Un mito del passato o, al più, un’ostinazione da film di Zalone. E guai a non prendere in considerazione l’idea di non essere formati e costantemente aggiornati nel proprio lavoro. Può sembrare un’esagerazione ma, a leggere i dati dell’ultimo Cegos Observatory Barometer “Transformations, skills and learning” realizzato per comprendere i cambiamenti che incidono sul mondo della formazione e del lavoro, anche e soprattutto a seguito della crisi legata al Covid, ci si rende conto che non è così.

Le festività ormai sono passate abbondantemente in archivio e se ancora non avete preso in considerazione l’idea di rimettervi in forma, questo è decisamente il momento giusto. Meglio lasciar perdere le diete detox che promettono successi miracolosi, rivelandosi spesso ingannevoli e autentiche perdite di tempo.

Tre tappe per presentare all’estero le startup innovative italiane. Ad organizzarle sono Smau e Agenzia Ice che hanno aperto le selezioni per la partecipazione a tre distinte missioni in programma a Parigi (23-24-25 marzo), Londra (2-3-4 maggio) e San Francisco (22-23-24-25 maggio).
La partecipazione all’iniziativa ha l’obiettivo di sviluppare relazioni commerciali, partnership industriali e finanziarie, progetti di open innovation e attività di co-innovazione e favorire processi di cross-fertilization interregionale e internazionale.
Ogni tappa sarà scandita secondo un format che si è consolidato negli ultimi sette anni.

Una nuova ricerca nel campo delle cellule staminali potrebbe portare a comprendere meglio lo sviluppo umano. “3D ECM-rich environment sustains the identity of naive human iPSCs” è infatti il titolo del lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica «Cell Stem Cell» mirato ad indagare e ad approfondire il ruolo e le caratteristiche delle cellule staminali pluripotenti. La ricerca, finanziata dalla fondazione Cariparo, è stata condotta presso i laboratori dell’Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM) dal gruppo di Nicola Elvassore - professore all’Università di Padova - con la collaborazione e il supporto di ricercatori di diversi istituti italiani e internazionali. T

Tra le impennate dei costi delle bollette e un pianeta sempre più in sofferenza per l’uso smodato di energie e risorse che viene fatto dall’umanità, tra i buoni propositi dell’anno appena iniziato dovrebbe esserci quello di impegnarsi per fare un consumo energetico consapevole ma, soprattutto, sostenibile. L’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle è stato letteralmente un anno nero per il settore dell’energia elettrica che ha registrato un aumento dei costi sul mercato libero del +329% e ha contribuito all’emissione di una grande quantità di anidride carbonica nell’aria, a causa dell’elevato utilizzo di combustibili fossili, per la sua produzione.

 Quando si parla di cambiamento climatico, il primo pensiero va alle emissioni di gas serra prodotte da attività antropiche e in particolare dai combustibili fossili. E se invece una parte considerevole di questi gas derivasse da una sorgente inaspettata come l’acqua? È quanto ha rilevato un gruppo di ricercatori dell’Università di Padova nello studio dal titolo “Steps dominate gas evasion from a mountain headwater stream” pubblicato su «Nature Communications», svolto nell’ambito del progetto europeo “DyNET: Dynamical River Networks” e coordinato dal prof. Gianluca Botter del dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (ICEA).

La Mostra “Il Chaco ieri ed oggi” è stata inaugurata sabato scorso, 21 gennaio, al Museo di Scienze Naturali di Novara. Presente al taglio del nastro, la Segretaria Generale dell’Organizzazione Italo-Latino Americana - IILA, Antonella Cavallari. Per la mostra si tratta della quarta tappa di un ciclo partito da Roma nel 2020 (presso la sede dell'IILA), proseguita poi a Buenos Aires nel giugno 2022 presso il Centro Culturale Kirchner e, nel novembre di quest’anno, a Verbania presso il Museo del Paesaggio.

Sarà Simonetta Gola la prossima ospite della Società Dante Alighieri di Ginevra. Moglie di Gino Strada e curatrice del libro "Una persona alla volta", Gola sarà a Ginevra il prossimo 26 gennaio per presentare il volume alle 18.30 nella Salle de conférence du Muséum d'histoire naturelle (Rte de Malagnou 1).
“Curare i feriti non è né generoso, né misericordioso, è semplicemente giusto. Lo si deve fare”, diceva Gino Strada.

Scadrà il 28 gennaio il bando per partecipare all’ottava edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi. Ad annunciarlo il Comitato promotore del premio, composto da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Strega Alberti Benevento SpA, Centro per il libro e la lettura e BolognaFiere SpA.
Le seguenti categorie di concorso sono cinque: libri di narrativa destinati a lettrici e lettori dai 6 ai 7 anni (6+); libri di narrativa destinati a lettrici e lettori dagli 8 ai 10 anni (8+); libri di narrativa destinati a lettrici e lettori dagli 11 ai 13 anni (11+); miglior libro d’esordio selezionato fra quelli in concorso nelle categorie 6+, 8+, 11+; e migliore narrazione per immagini, graphic novel, fumetti, albi illustrati, libri senza parole destinati alle stesse fasce di lettori (6-13 anni).






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework