L'edizione 2024 di Art Basel si è chiusa domenica 16 giugno, dopo una settimana di forti vendite in tutti i settori del mercato. Lo spettacolo ha attirato  91.000 persone durante le sue giornate VIP e pubbliche. La Messeplatz ha ospitato Honoring Wheatfield - A Confrontation (2024) di Agnes Denes, in riferimento all'iconica opera di land art dell'artista degli anni '80. L'opera resterà esposta per tutta l'estate fino al momento della raccolta. Che non è altro che un grande campo di mais, che interrompe la monontonia del cemento grigio della piazza. 

Il ruolo del patrimonio culturale nella crescita personale, nell’inclusione sociale e nel benessere individuale e della società è sempre più riconosciuto e indagato, e molti studi hanno confermato che interessa non solo il livello cognitivo ma anche quello emozionale.  Anche con il supporto del metodo neuroscientifico, si studierà la relazione tra risposte cognitive ed emotive di fronte al patrimonio culturale. Aumentare la consapevolezza e la fiducia della cittadinanza nei confronti della complessa realtà contemporanea è l’obiettivo del  progetto europeoMETA-MUSEUM (“Moving Emotions towards confidence in the Transformative Appropriation for a Meaningful Understanding of cultural heritage: a neuroScientific approach to EUropean Museums”),

Riparazione, riutilizzo e trasformazione: una nuova mostra al Museo nazionale Zurigo passa in rassegna i metodi dell’economia circolare, dall’età della pietra fino ai nostri giorni. Benché la nozione sia relativamente recente, l’economia circolare è esistita fin dall’inizio della storia umana. Anche i nostri antenati producevano rifiuti e inquinavano l’ambiente. Ma prima dell’odierna società dell’usa e getta e del consumo, il modo in cui venivano gestiti gli oggetti e le risorse era dettato da penuria e scarsità. Per quanto possibile, gli oggetti venivano riciclati, riparati, adattati e riutilizzati.

Cosa succede quando i nativi digitali creano una mostra? Vanno alla ricerca dei pixel e li trovano nella collezione di media art del Kunsthaus di Zurigo. Dal 7 giugno al 29 settembre 2024 il Kunsthaus presenta undici opere che respirano lo spirito del nuovo millennio. Un'offerta per gli appassionati d'arte, i fan dei video e i nerd della tecnologia. Si potrebbe definirlo un tesoro nascosto: la collezione di media art del Kunsthaus Zurich è una delle più grandi della Svizzera. Luca Rey , assistente di ricerca nella collezione grafica, e Éléonore Bernard, restauratrice di media, scoprono la collezione, che comprende oltre 600 oggetti, e curano insieme la loro prima mostra. Le undici opere selezionate per “Born Digital” sono state tutte realizzate tra il 2000 e il 2005.

Il momento è finalmente arrivato: Villa Flora riapre le sue porte. La leggendaria casa del collezionista risplende di nuovo splendore e fa ritornare a Winterthur i tesori della Fondazione Hahnloser/Jaeggli. Dal 23 marzo 2024 il Kunst Museum Winterthur espone nella sua terza sede capolavori di Cézanne, van Gogh, Manet, Redon, Bonnard, Monet, Vallotton, Matisse e altri.

L’artista Monika Emmanuelle Kazi è la vincitrice dell’edizione 2024 del Premio istituito dalla Fondazione Bally in collaborazione con il MASI per promuovere il mondo artistico e creativo in Ticino e in Svizzera. Il 26 maggio prossimo inaugura a Palazzo Reali “Mimesis of Domesticity”, la mostra di Monika Emmanuelle Kazi, vincitrice dell’edizione 2024 del Bally Artist Award. Per l’occasione, l’artista ha creato nella storica Sala Mattoni al piano terra del palazzo un nuovo gruppo di installazioni che evoca un interno domestico.

Testo di Carlotta Cernigliaro - Le trappole sono condizioni o situazioni che limitano la libertà, l'autonomia o il benessere degli individui, spingendoli in una impasse da cui è difficile o impossibile uscire.

Dal punto di vista esistenziale, le trappole possono essere associate a situazioni di alienazione, inautenticità o angoscia, in cui l'essere umano si trova intrappolato in schemi di pensiero o comportamento che non rispecchiano la sua natura autentica o le sue aspirazioni più profonde. Possono derivare da pressioni esterne, da norme sociali o da convenzioni culturali che limitano la libertà individuale e impediscono la piena realizzazione di sé.

Leonardo Da Vinci, pittore, inventore, scrittore, un uomo che ha fatto la differenza nel rinascimento, protagonista fino ai giorni nostri, visto che le sue invenzioni hanno fatto non solo la storia ma cambiato per sempre la nostra realtà. Dal paracadute, alle eliche per aerei, ai trattati medici, Leonardo è un artista a tutto tondo. La nuova produzione immersiva a Zurigo porta a fare un viaggio nella storia a trecentosessanta gradi, passando in rassegna una vita dedicata allo studio e alla genialità del maestro indiscusso del suo tempo.

Nella Wasserkirche di Zurigo l'artista svizzero Taiyo Onorato presenta la sua installazione video “Water World” nell'ambito del progetto artistico ART FLOW. Nel suo progetto l'artista si concentra sullo spazio fluviale che la Limmat ha creato nel corso di milioni di anni. Il cambio di prospettiva decisamente scelto sotto la superficie dell'acqua crea un nuovo accesso e visibilità della vita dentro e sul fiume. L'acqua è presente anche nello spazio espositivo: Onorato trasmette i risultati della sua ricerca video attraverso un sofisticato complesso installativo, il cui fulcro è un acquario riconvertito. Ciò crea uno spazio di esperienza coinvolgente e multi-prospettiva nella Chiesa dell'Acqua, che invita i visitatori a sperimentare viste insolite del fiume.






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework