Africa sub sahariana, Mediterraneo e Medioriente: sono queste le aree geografiche interessate dai 10 progetti di cooperazione internazionale che saranno finanziati dalla Regione Toscana a seguito dell’apposito bando per i “Progetti semplici”. I progetti, per un budget complessivo di 185.000 euro, saranno realizzati da ong e associazioni toscane da anni impegnate in attività di cooperazione.
I 10 progetti finanziati rispondono alle caratteristiche definite nel bando uscito lo scorso mese di ottobre e toccano temi che vanno dall’empowerment femminile, alla microimpresa giovanile, al sostegno alla società civile, all’economia circolare.

Tutto quello che si puo' vedere a Barcellona, arrivando dal mare.

Un nuovo servizio a partire dalla prossima primavera sarà a disposizione dei cicloturisti in partenza e in arrivo nell’aeroporto di Bari. Sono partiti i lavori per realizzare una postazione attrezzata per il montaggio e lo smontaggio delle biciclette a servizio dei passeggeri con bici al seguito e segnaletica dedicata verso la zona partenze e dalla zona arrivi. L’iniziativa, denominata “Set di soluzioni per facilitare l’accessibilità di passeggeri in viaggio con bici al seguito nell’aeroporto di Bari”, rappresenta un’azione sperimentale prevista dal progetto sul trasporto multimodale transfrontaliero sostenibile MIMOSA (MarItime and MultimOdal Sustainable pAssenger transport solutions and services), finanziato dal Programma Interreg Italia Croazia 2014-2020, ideato e gestito dalla Sezione Mobilità Sostenibile della Regione Puglia, che ha voluto dare centralità al tema dell’intermodalità della bici con altri mezzi di trasporto collettivi e, in questo caso, all’accessibilità ciclabile degli aeroporti pugliesi. Previsto un intervento analogo anche nell’aeroporto di Brindisi.

Un giorno a Palermo

Un giro a Malta in un giorno assolato di gennaio

Torrazzo, uno dei campanili più alti del mondo; Torrone, nato in queste zone e poi diffusosi in tutto il mondo e, forse, ma qui vi sono parecchie voci contrastanti, Tognazzi, uno dei più grandi attori italiani. Cremona è considerata la città delle tre T, tre parole che danno un assaggio della bellezza che questa città può offrire. Ovviamente non si può che non partire dal Torrazzo per visitare questo capoluogo di provincia: dall’alto della torre è possibile ammirare tutta la città, arrivando con lo sguardo fino al vicino Po. Una volta scesi dalla torre vale la pena camminare fino al vicino Duomo che, grazie ai diversi interventi di restauro nel corso degli anni, oggi ha al suo interno elementi romanici, gotici e barocchi.

Per lungo tempo considerata una zona malfamata della città, Le Panier è un vecchi quartiere di Marsiglia, caratterizzato da molte strade strette, quindi molto godibile ai pedoni. Oggi grazie alla ristrutturazione urbana dell’ Euroméditerranée, è diventato un quartiere turistico ricco di atelier di artisti, sopratutto ceramist, pittori, galleristi, e piccole botteghe attente all’impatto ambientale con tanti prodotti a chilometro zero. Un quartiere di grande ispirazione vicino poi al complesso museale, visitabile gratuitamente la Chapelle du centre de la Vieille Charité. 

 Montagne e ghiacciai ovunque si guardi. Questo è il panorama che un visitatore potrebbe ammirare una volta arrivato a La Thuile, un piccolo comune della Valle d’Aosta, ai confini tra Italia e Francia. La Thuile è infatti l’ultimo paesino del Colle del Piccolo San Bernardo, lungo la strada internazionale che collega le due nazioni e, per questo, può esser facilmente considerato un ponte tra due culture. Il passo era utilizzato fin dall’epoca antica, rendendo di fatto questi comuni dei crocevia di popolazioni: non stupisce infatti la presenza di diverse tracce romane, o di altre popolazioni come i Salassi. I Salassi erano un popolo celtico, che appunto si era insediato anche nelle vicinanze di quello che oggi è il territorio di La Thuile, e che ha lasciato uno dei pochi megaliti presenti in Italia: si tratta del Cromlech del Piccolo San Bernardo, una costruzione imponente di 80 metri di diametro, formata da 46 pietre allungate, disposte a circa tre metri le une dalle altre.

Pochi luoghi in Italia, e probabilmente nel mondo, eguagliano la bellezza della costiera amalfitana. Questa zona, ricompresa nella provincia di Salerno, deve la sua fama al clima, al mare e, non per ultimo, alla presenza di vere e proprie perle come Positano. Tra i posti più conosciuti di tutta la Costiera, Positano attira da sempre turisti e curiosi da ogni parte del mondo, che vengono in Campania per godere del mare, assaporarne la cultura e, non meno importante, il cibo.






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework