C’è un nuovo patto per la valorizzazione del complesso monumentale diSanta Croce che guarda ai tempi lunghi e al dopo pandemia. È stato sottoscritto nei giorni scorsi tra il Comune di Firenze, il Fondo Edifici di Culto (FEC) del ministero dell’Interno, i Francescani e l’Opera di Santa Croce. Si tratta di un accordo “straordinario” che sottolinea con forza l’unità di intenti tra tutti i soggetti proprietari dei diversi spazi del complesso e l’Opera, a cui è affidata da secoli la missione di tutela e valorizzazione.

Fino al 17 gennaio sarà visitabile presso lo ZRC SAZU di Lubiana (Research Centre of the Slovenian Academy of Sciences and Arts) la mostra “Venezia - Embrione del nuovo spazio terrestre”. L’esposizione (nata dalla collaborazione tra ZRC SAZU, l’Istituto Italiano di Cultura di Lubiana e la Galerija Fotografija) è stata curata da Barbara Čeferin, con i disegni di Marko Pogačnik e le fotografie di Bojan Brecelj: il nucleo principale della mostra è, infatti, rappresentato da 76 fotografie di Brecelj insieme alle opere grafiche originali di Pogačnik.

L’Istituto Italiano di Cultura di Washington ha organizzato per il 24 gennaio 2022 un incontro online con Edith Bruck, scrittrice ungherese naturalizzata italiana e testimone della Shoah.
L’autrice dialogherà con Stefania Lucamante, professoressa di Letteratura Contemporanea presso l’Università di Cagliari e professore ordinario di italianistica presso la Catholic University of America a Washington DC, dove dirige il programma di Italian Studies. Un evento che si svolge a ridosso della Giornata della Memoria, che si tiene ogni anno il 27 gennaio.

Una ricerca realizzata dal BraIn Plasticity and behavior changes Research Group (BIP) del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con il Department of Economics di Harvard, ha mostrato la presenza di un legame profondo fra apprezzamento estetico e meccanismi di apprendimento. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista scientifica Journal of Experimental Psychology: General dell'American Psychological Association. Attraverso una tecnica di neuroimmagine non invasiva, l’elettroencefalografia, i ricercatori hanno dimostrato che le cose che soggettivamente riteniamo più belle sono anche quelle che il nostro sistema nervoso sa elaborare meglio.

 Quali sono le celebrities più cercate in rete in Italia? No, non sono i Ferragnez, ma un’altra celebre (ex) coppia. Il più cliccato in assoluto è Can Yaman, ex promesso sposo di Diletta Leotta, che si trova in seconda posizione. Per l’attore turco sono state fatte in media quasi 825 mila ricerche ogni mese, mentre per la bionda conduttrice TV poco più di 568 mila.

È stato il simbolo del dramma dell’Alluvione del 1966, ma anche del suo riscatto e adesso accompagna il desiderio di rinascita dopo i mesi più bui della pandemia. Da sabato scorso, 4 dicembre, il Cristo di Cimabue di Santa Croce a Firenze, dopo quasi due anni, è di nuovo visibile, con la sua storia di dolore e di speranza, per tutti coloro che visitano il complesso monumentale.
Fino dal marzo 2020 le stringenti norme di sicurezza anti Covid avevano costretto l’Opera di Santa Croce a escludere la sagrestia, dove il Crocifisso è conservato in sicurezza.

 Favorisce il risveglio la mattina, tiene compagnia durante gli spostamenti in macchina e sui mezzi, sta bene in qualsiasi angolo della casa, è capace di intrattenere attraverso personaggi e conduttori che la animano. Tra i media più diffusi al mondo, la radio è anche quello capace di dare maggiore vitalità e trasmettere buon umore secondo 6 italiani su 10.

Sarà inaugurata venerdì 10 dicembre a Bruxelles, in presenza dell’artista, la mostra “Rest Your Eyes” di Rebecca Moccia, che sino al 7 gennaio 2022 sarà allòestita negli spazi dell’Istituto Italiano di Cultura, diretto da Paolo Sabbatini.
Realizzato in collaborazione con il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, il progetto è tra i vincitori del bando pubblico Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere: un’iniziativa congiunta del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e del Ministero della Cultura (MiC) lanciata nel settembre 2020 con l’obiettivo di promuovere la ricerca e la pratica delle arti visive contemporanee italiane nel mondo.

La media e piccola editoria in Italia è cresciuta nel 2021 più della media del mercato (più 25% contro più 22%) e oggi ha una quota di venduto del 45% nei canali trade (librerie e grande distribuzione), in crescita di un punto percentuale rispetto al 2020 e due sul 2019: sono i numeri presentati a Più libri più liberi, Fiera nazionale della Piccola e Meda Editoria di Roma organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE), durante l’incontro del programma professionale “La media e piccola editoria tra 2019 e 2021”.




Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework